loading
loading

Acqua chiara? Non è così semplice

Trasparente, chiara, semplice. In apparenza, almeno: nel mondo degli impianti termici l’acqua è un “ingrediente” chiave, tanto importante quanto complesso da gestire. È il fluido termovettore per eccellenza, cioè quello che trasmette il calore con il miglior bilancio tra efficienza, semplicità e sicurezza, ma non è sempre uguale. Le caratteristiche fisico-chimiche dell’acqua con cui viene alimentato un impianto, infatti, incidono sul funzionamento dei vari dispositivi.

Vediamo insieme qualche concetto base, in relazione all’uso dell’acqua per riscaldamento e raffrescamento. L’acqua non è tutta uguale, dicevamo: per far funzionare al meglio un impianto o per prevenire problemi potrebbero servire trattamenti specifici. Ad indicarlo sono diversi elementi, come il pH - il valore che esprime di grado di acidità o basicità -, la durezza, l’alcalinità, la presenza o meno di determinate sostanze disciolte nell’acqua. Si valutano quindi vari parametri e anche la “combinazione” dei diversi elementi: l’obiettivo è sempre evitare incrostazioni, corrosioni o crescite microbiologiche che nel tempo danneggiano le apparecchiature.

Qualche esempio? I cloruri possono causare corrosioni se superano certi limiti, mentre la silice può creare depositi e incrostazioni. Il ferro può essere normalmente presente nell’acqua immessa nell’impianto oppure indicare fenomeni di corrosione: dipende dalle quantità, l’“allarme” scatta se vengono superate determinate soglie.

La presenza di rame in genere indica una corrosione in atto, perché raramente lo si trova in quantità significative nella “materia prima” che viene inserita negli impianti, mentre il manganese in alcune zone è naturalmente presente nell’acqua. La presenza di sostanze organiche oltre determinate concentrazioni in genere segnala fenomeni di inquinamento, mentre alghe, muffe e batteri possono svilupparsi nei circuiti creando problemi agli impianti e fastidi per la salute. 

E se gli acquedotti che alimentano il rubinetto di casa sono controllati con analisi attente, a cadenza regolare, i tecnici sanno applicare i giusti correttivi quando l’acqua di alimentazione degli impianti ha caratteristiche particolari.

Qui sotto potete scaricare il glossario dedicato all'acqua!

Per favore inserisci un nome valido
Per favore inserisci un cognome valido
Per favore inserisci un indirizzo email valido

Scaricando il documento accetti di iscriverti alla nostra newsletter. Potrai cancellare l'iscrizione in qualsiasi momento utilizzando la funzione apposita presente nelle email che riceverai

Selezionare la casella per procedere

Leggi anche...

Condizionatore, per il tagliando è meglio non aspettare il caldo
Condizionatore, per il tagliando è meglio non aspettare il caldo

Pubblicato: 25 Giugno 2020

Giugno è partito con un clima ancora un po’ “pazzerello”... forse è ancora presto per pensare al condizionatore o al climatizzatore, giusto? Non proprio. Meglio partire...
Una boccata d'aria... che sia buona, però
Una boccata d'aria... che sia buona, però

Pubblicato: 21 Luglio 2021

Qualità dell’aria, città che “respirano” sempre peggio, sostanze inquinanti. Se ne parla spesso, tutti ormai siamo consapevoli dell’importanza di questi aspetti per la...

Rimani sempre aggiornato con la nostra newsletter

Per favore inserisci un nome valido
Per favore inserisci un cognome valido
Per favore inserisci un indirizzo email valido
Selezionare la casella per procedere

Via dei Sedini, 47/C
23017 Morbegno (SO) - Italia
Tel. +39 0342 612 459
info@emmetisnc.com
PEC: emmeti.snc@pec.it
P.Iva: 00610640146
R.E.A.: SO - 43032

-
Lissone (MB)
Tel. +39 388 899 60 24