loading
loading

News

Trasparente, chiara, semplice. In apparenza, almeno: nel mondo degli impianti termici l’acqua è un “ingrediente” chiave, tanto importante quanto complesso da gestire. È il fluido termovettore per eccellenza, cioè quello che trasmette il calore con il miglior bilancio tra efficienza, semplicità e sicurezza, ma non è sempre uguale. Le caratteristiche fisico-chimiche dell’acqua con cui viene alimentato un impianto, infatti, incidono sul funzionamento dei vari dispositivi.

Agosto vuol dire vacanze, si sa. C’è chi ama la montagna, chi adora il mare, chi preferisce la campagna, ma in agosto praticamente tutti troveranno almeno qualche giorno per staccare dalla routine quotidiana. Pronti a partire? Fatta la valigia - dimenticando qualcosa, al 99%, ma in ferie (quasi) tutto è concesso - si chiude la porta, si dice un bell’“arrivederci” e via, verso la meta tanto attesa. Ma attenzione...

Qualità dell’aria, città che “respirano” sempre peggio, sostanze inquinanti. Se ne parla spesso, tutti ormai siamo consapevoli dell’importanza di questi aspetti per la salute di tutti e le soluzioni tecnologiche per contrastare questi fenomeni sono sempre più diffuse e avanzate. Ma la qualità dell’aria dentro le nostre case è sempre ottimale? E quali soluzioni possiamo utilizzare per migliorarla? 

Se la situazione nelle città è monitorata con strumenti specifici, in casa non sempre servono analisi per accorgerci che qualcosa non va: le prime “sentinelle” sono i nostri sensi.

Osservazioni, Raccomandazioni, Prescrizioni sul funzionamento degli impianti termici. Le trovate sul modulo che il tecnico deve compilare quando fa la manutenzione periodica della caldaia. Probabilmente ora starete pensando “Che roba è? Burocratese, passiamo oltre”. Non è così: sono questioni tecniche, certo, ma riguardano direttamente la sicurezza degli impianti e quindi delle persone che vivono o lavorano in un ambiente.

Iniziamo già con il conto alla rovescia verso l’estate e magari le vacanze? No, è troppo presto, lo sappiamo. Però parliamo di estate perché questo è il momento giusto per attivarsi, se state pensando di installare un condizionatore per godervi una casa più fresca nella prossima stagione. Se calcoliamo i tempi per richieste di informazioni, preventivi, scelta dell’impianto e lavori, infatti, è bene fare una “partenza intelligente” per evitare il periodo di maggiori urgenze per le imprese. 

La stagione in cui spegniamo i riscaldamenti si avvicina e arriva il momento giusto per ragionare su eventuali lavori agli impianti. Magari quest’anno caldaia & company hanno proprio perso colpi, o magari vogliamo sfruttare l’occasione del Superbonus del 110% per migliorare efficienza energetica e comfort della nostra casa. Qualsiasi sia il motivo, proviamo a mettere in fila alcune informazioni utili per valutare la scelta più adatta. 

Rimani sempre aggiornato con la nostra newsletter

Per favore inserisci un nome valido
Per favore inserisci un cognome valido
Per favore inserisci un indirizzo email valido
Selezionare la casella per procedere

Hai una domanda da farci?

Contattaci

Guarda anche...

Molti clienti ci chiedono se è possibile installare un condizionatore in una casa già arredata e abitata. La risposta è sì! Nel video vi spieghiamo come fare vi facciamo scoprire le regole di un lavoro ben fatto.

Mantenere i giusti livelli di umidità all'interno della casa è molto importante. Bassi livelli di umidità possono avere conseguenze sulla salute. Ecco alcuni consigli...

Via dei Sedini, 47/C
23017 Morbegno (SO) - Italia
Tel. +39 0342 612 459
info@emmetisnc.com
PEC: emmeti.snc@pec.it
P.Iva: 00610640146
R.E.A.: SO - 43032

-
Lissone (MB)
Tel. +39 388 899 60 24